Mutilazioni genitali, una battaglia che si può vincere